Cambiare stile di vita

è stato quello che ho dovuto fare, ora vi racconto la mia storia.

Gentile dottoressa, ho letto il suo sito con molto interesse, vi ho trovato finalmente un po’ di quella speranza che tanto andavo cercando. Sono una ragazza di 23 anni, sono sempre state bene, forte in salute, nonostante una situazione familiare non comune alla norma, ho sempre reagito, non mi sono mai data per vinta, ed ho fatto dei miei guai la mia forza.

Sono sempre stata una persona altruista e gentile, il mio problema o difetto, è sempre stato quello di mettere prima gli altri che me stessa, di avere poco carattere in situazioni negative, di non arrabbiarmi mai e tenere le cose per me, ingoiando i rospi .

Purtroppo ad un certo punto mi sono persa. Per più di un anno ho condotto una vita sregolata, non studiavo più, dormivo il giorno e uscivo la notte, bevevo molto e facevo uso di droghe (cannabis).

La mia vita ha preso una brutta piega.
In questo periodo ho iniziato ad avere frequentazioni, sia amicizie sia relazioni, diciamo morbose, condividevo tutto con queste persone e non facevo nulla da sola, e appiattivo la mia vita su quella degli altri senza avere uno scopo mio, tutte relazioni cosi strette dalle quali poi matematicamente mi sentivo oppressa e scappavo. Ho trascurato le mie vecchie amicizie, perché mi sentivo inferiore, vedevo i miei amici di sempre andare avanti nella loro vita   (universitaria soprattutto ) e osservavo me restare ferma, e quindi era più facile contornarsi di persone che era nullafacenti come me. Dovevo cambiare stile di vita.

Soffrivo di questa situazione dentro di me, sapevo che non andava bene, mi sentivo inutile, non ero appagata, mi sentivo una fallita, sapevo anche che prima o poi avrei pagato il conto della mia vita sregolata e così è successo.

Un giorno di gennaio sono svenuta, da lì non sono più stata bene, giramenti di testa, tachicardia, dolori muscolari e quant’altro.  Ovviamente ho seguito un iter medico, che è andato assolutamente a buon fine, ma che, nell’ attesa dei risultati mi ha gettato nel panico più completo.  Il senso d’ ansia mi attanagliava per tutto il giorno, non mangiavo, non uscivo, mi sentivo fuori della realtà, come in un film.

Ho detto basta
Poi un giorno ho preso il toro per le corna e ho deciso che l’ansia non poteva prendersi la mia vita, piano piano ho ricominciato a fare tutto, e la dove l’ansia mi riprendeva, mi accanivo di più, perché non potevo permetterle di continuare a divorare la mia vita, ho deciso di non assecondarla ma di contrastarla al 100 %, anche se delle volte è davvero estenuante, faticoso.

Cambiare stile di vita:Ho ricominciato a studiare, sto cercando di regolare la mia vita, di avere una vita mia, degli interessi e degli scopi personali, di riuscire ad essere autonoma, e di mettere prima me e poi gli altri.

Sto sicuramente molto meglio, lo vedo, lo sento, me ne rendo conto, ormai quando mi viene l’ansia, soprattutto la sera quando mi metto nel letto, la gestisco, però devo ammettere che m’innervosisce perché ho una grandissima smania di stare bene, diciamo che mi sento un po’ in bilico a volte, lo spavento dello svenimento è stato grande, perché non mi era mai capitato, quindi ogni tanto mi sento sempre un po’ sull’allerta.

Concludo dicendo il motivo per il quale ho scritto
Ho scritto per avere dei consigli, più che altro per avere un po’ di speranza, oltre la mia, perché anche se cerco di reagire, ci sono dei maledetti momenti di sconforto, in cui penso che non passerà più e anche se cerco di vincerli da sola una voce amica ogni tanto aiuta, e concludo ringraziandola per il suo lavoro e per le cose che ho letto nel suo sito.

Anonima

Cara Anonima
Sono davvero contenta che il mio sito ti sia stato un in qualche modo utile, e ti faccio i miei più sinceri complimenti per come hai deciso di riprendere in mano la tua vita.

Vengo subito alla tua richiesta. Il messaggio che ha iscritto riflette una profonda riflessione che hai svolto su te stessa, si legge la tua tenacia e soprattutto, CORAGGIO. Si perché ci vuole coraggio per fare il confronto diretto con la realtà.

Come ti sei dimostrata a te, stessa l’ansia si può sconfiggere, e l’unico modo in cui si fa è attraverso l’azione. Prova a ricordare a te stessa tutto ciò che hai fatto per uscire da quell’apatia che ti aveva stretto in una morsa, imprigionando la tua vita, ti ricorda che bella sensazione ti ha dato l’azione? Ecco questa è per te è la FONTE preziosa da cui trarre sempre nuova forza. Sono le situazioni reale, oggettive che tu hai affrontato che rappresentano il punto nella mappa della tua consapevolezza.

In futuro sarai forse chiamata a fronteggiare situazioni cariche di stress e di ansia, ma tu ha fatto una meravigliosa esperienza di successo: ha vinto le sue paure, e quella forza che la imprigionava nell’inerzia.

 La STRATEGIA per vincere l’ansia è una sola: affrontare le situazioni in modo diretto, e agire. Ogni volta che tu agirai, invece di subire, vincerai sempre la tua ansia, e la tua paura.

Tu sei molto coraggiosa, conta sempre su questa tua importante qualità, e ricordati che le RISORSE PERSONALI sono una vera e potente arma su cui tu, sempre, potrai contare, perché sono TUE, e niente e nessuno te le potrà mai portare via.

Ecco è così che si vincono i momenti di sconforto, che ti auguro di non averne mai, ma sei consapevole del fatto che la vita riserva molte sorprese! Molte delle quali belle e meravigliose. Proprio come lo è stata la tua ripresa. Quindi non darti mai per vinta, ricordati di cosa sei riuscita a fare da sola per te stessa, cara Anonima, sei TU la tua speranza, grazie a tutte le tue qualità.

Perdoni sé stessa per gli errori commessi, perché lei ha avuto il grande e meraviglioso coraggio di rialzarsi e andare avanti.

Potrebbe interessarti il Corso di Autostima e Motivazione

Vuoi scrivere anche tu?
Per raccontare la tua storia, parlare di un tuo punto di vista o per condividere un’esperienza. Puoi scrivermi a info@patriziamarzola.it  Tu rimarrai anonimo, pubblicherò solo ciò che vorrai rendere pubblico. I tuoi dati sono trattati nel rispetto della legge della privacy. Non utilizzerò la tua mail per inviarti materiale pubblicitario o altre notifiche da te, espressamente non richieste.

Patrizia Marzola
Psicologa Clinica