Come migliorare il proprio modo di comunicare: consapevolezza comunicativa

Per scoprire come migliorare il proprio modo di comunicare devi allenarti prima di tutto per raggiungere la consapevolezza comunicativa, cioè capire COME COMUNICHI? Per capirlo puoi iniziare ad osservare le persone che parlano con te. Come reagiscono? Secondo te quali atteggiamenti sono predominanti in te quando ti relazioni con gli altri?

Un esercizio per allenare la tua consapevolezza comunicativa

  • Ascolti il tuo modo di parlare?
  • Ti hanno mai detto: “Tu non sai ascoltare”?
  • Ti è mai capitato di pensare di essere chiaro nella tua esposizione, ma ti dicono di non capire?
  • Ti è successo di essere frainteso? Di non dare l’impressione che vorresti o pensavi di dare?
  • Ti dicono che sei aggressivo? Chiuso? Ambiguo?
  • Sai Ascoltare?

Il secondo allenamento per scoprire come migliorare il proprio modo di comunicare è l’ascolto. Siamo tutti convinti di saper ascoltare bene. Tutti ricordiamo qualcuno che ci ha fatto notare, dopo un momento di conversazione, che non abbiamo capito bene il suo pensiero. L’ascolto richiede uno sforzo, ed in mancanza di questo, non afferriamo che una piccola parte del discorso. Annoiati da frasi troppo lunghe, dallo scarso interesse degli argomenti, occupati a preparare una risposta o perché stiamo chiaramente fantasticando, stacchiamo completamente, il che è un modo di rompere la comunicazione.

Se ci fai caso anche la scrittura ha le sue regole, quando leggiamo un testo troppo complicato ci annoiamo, e non ci viene di certo voglia di continuare la lettura.

Quanti tipi di ascolto

A seconda delle nostre abitudini e della nostra attenzione, si possono distinguere 3 livelli d’ascolto:

  1. Ascolto passivo
  2. Ascolto semi-attivo
  3. Ascolto attivo ed empatia

L’ascolto ti permette di allenarti sul come migliorare il proprio modo di comunicare.  Ci sono tanti modi di ascoltare. Ma l’unico vero, quello efficace è l’ASCOLTO ATTIVO. Quando cioè, mostriamo una sincera attenzione a quanto l’altro sta dicendo.
L’ascolto attivo è un’azione. Non è sentire, ma è molto di più, perché tutto il corpo è impegnato nell’ascolto attivo, ed è quella fantastica abilità che ti permette di migliorare le tue relazioni interpersonali, ma anche di superare i conflitti, oppure, se vuoi inserirti in un nuovo gruppo per trovare nuovi amici, o sei emozionato per un primo appuntamento!

Come migliorare il proprio modo di comunicare: come dimostrare l’ascolto attivo

Guarda il tuo interlocutore negli occhi: è importante per creare i fondamenti di fiducia. Per partire con il piede giusto la fiducia è il primo ingrediente. Inoltre, se lo guardi, gli dimostri il tuo interesse, e lo inviti a continuare a parlare con te.

Annuisci con la testa. Spesso l’interlocutore si blocca davanti ad un corpo immobile. Il tuo leggero movimento della testa è per lui, quell’invito a continuare il dialogo. Questi piccoli gesti invitano a continuare nel discorso, così, il tuo interlocutore non si sente bloccato, e, proprio perché cortesemente invitato a continuare, si sforzerà di essere sempre più chiaro, con notevole beneficio per il proseguo dell’interazione, che assumerà emozioni positive, che porteranno al passaggio da una semplice interazione comunicativa ad una relazione interpersonale.

Fai piccoli accenni con la voce: si capisco, mmm…, ti ascolto, continua.

NON interrompere il tuo interlocutore. Lo hai provato anche tu, hai visto quanto è fastidioso vero? E quanta voglia hai di continuare a parlare con il tizio che non ti lascia finire? L’interruzione denota mancanza di interesse verso l’altro, non solo verso la conversazione.

Dimostra interesse, chiedi un feedback, puoi usare queste formule: “Se ho capito bene, tu stai dicendo che…”; “Dunque, per riassumere quanto tu hai appena detto…”

L’ascolto attivo non ti dà solo la strategia del Come migliorare il proprio modo di comunicare, ma ti permette di gestire ogni situazione relazione. Come ad esempio gestire un conflitto sul posto di lavoro, a non subire gli attacchi di quelle persone aggressive ed arroganti

In pratica ascoltare in modo attivo significa dare segnali che dimostrano buona volontà e impegno per cercare di capire, davvero, quanto l’altro sta dicendo. Questo è la prova per il nostro ascoltatore che non stiamo semplicemente “sentendo”, ma, che “ascoltiamo” attivamente ciò che lui ha da dire.

Questo tipo d’ascolto permette di inserire la relazione su un piano più profondo, perché chi parla si sente apprezzato per quello che sta dicendo, e chi ascolta, ha la possibilità di cogliere ogni sfumatura del discorso. In questo modo si aumenta la sicurezza, l’autostima e la fiducia per entrambi i partner coinvolti nell’interazione. Infatti, l’autostima è la vera arma per piacere agli altri.

Come migliorare il proprio modo di comunicare: l’impatto negativo del NON ascoltare

Non ascoltare sé stessi, né ascoltare l’altro, portando entrambe allo stesso risultato negativo: la comunicazione si chiude, l’interazione si blocca, la relazione è stroncata su nascere.

Soprattutto se i tuoi obiettivi sono negoziare, convincere o persuadere devi saper usare l’importanza emotiva dell’ascolto.  Empatia questa strana parola che viene così tanto sottovalutata, così disprezzata e dimenticata.

Ma, l’abilità di saper costruire sane relazioni interpersonali parte proprio da lei: dall’empatia. Per questo motivo nel mio Corso di Comunicazione Efficace vi dedico molta attenzione, uso esercizi e simulazioni per aiutare i partecipanti a usarla con dimestichezza.

Come migliorare il proprio modo di comunicare: 8 semplici esercizi per fare pratica

  1. Impara ad ascoltarti;
  2. Osserva le reazione dei tuoi interlocutori;
  3. Cerca il tono emotivo adatto alla situazione;
  4. Non pensare per “stereotipi”; abbatti i pregiudizi  impediscono il formarsi di nuove relazioni;
  5. Sii empatico: mettiti nei panni del tuo interlocutore;
  6. Usa parole con valenza “positiva”.
  7. Usa l’ascolto attivo;
  8. Usa il riassunto o parafrasi per accertarti di aver “capito davvero”.

Comunicare è vita di relazione

Per sapere come migliorare il proprio modo di comunicare devi essere assolutamente convinto che la comunicazione è lo strumento che ti mette in relazione con l’altro.
E che la relazione si crea solo in un clima favorevole.

Io questa mattina sono andata a prendere un caffè. Come sempre entro, saluto, chiedo per favore il caffè, quando il barista mi chiede cosa voglio. Ma questa mattina in questo bar i due commessi stavano discutendo in modo piuttosto acceso, quando sono entrata non si sono interrotti, ma mi hanno guardato sbuffando, io ho guardato i volti dei pochi clienti che erano nel bar. Quindi, ho ringraziato, ho salutato, sono uscita senza prendere il caffè. Ti è mai capitato?

Oppure, un giorno sono andata al supermercato per fare una rapida spesa. Alla cassa, la commessa sembrava essere molto stanca, naturale dopo tutto il giorno a battere scontrini e stare in mezzo alla gente, spesso anche scontrosa o maleducata, ‘umore non è certo dei migliori, così io le ho detto buonasera, sfoderando un super e sincero sorriso, le ho detto come battuta: “Coraggio la giornata è quasi finita!” lei ha riso, e mi ha detto che sono stata la prima persona in tutto il giorno a sorriderle e a capire il suo stato d’animo.

Cosa non fa un sorriso sincero! Sorridere fa sempre bene, perché comunica apertura, disponibilità al dialogo, disintegra le barriere, e mette sempre di buon umore, sia a farlo sia a riceverlo.

Se tu vuoi aprire un’interazione con il piede giusto ricordati che è tua la responsabilità di far partire bene il primo “contatto”, per farlo usa le emozioni positive. L’uso consapevole delle emozioni positive è importante per capire come migliorare il proprio modo di comunicare.

Come si crea un buon clima emotivo?

L’accoglienza. Accogliere, dando il benvenuto, con un sorriso, e un caldo saluto.

Apprezza l’altro, questo ti permette di creare un clima sereno e aperto.

Prima di emettere una critica, fai notare le cose positive. Fai apprezzamenti sullo sforzo fatto. Poi con calma sottolinea che è il comportamento che non va bene, non la persona.

Comunicazione verbale: la voce e le parole. Le parole fanno la differenza.
Parole a valenza positiva hanno effetto di apertura, di incoraggiamento, di valutazione, di fiducia, di stima. (es: buono, sviluppo, capace, impegno, si …). Esse stimolano lo scambio, la ricezione, l’ascolto e la comprensione).
Parole con valenza negativa ottengono chiusura (Es: mai, non, sfiducia, negativo, cattivo …).

NB: E’ dimostrato che parole a valenza positiva e negativa hanno un impatto sul nostro comportamento d’ascolto. Ogni volta che una parola, frase o argomento provoca una risposta emotiva, c’è una possibilità che ciò che segue non sarà ascoltata.

Rispetta le pause di silenzio. Vantaggi del silenzio:
Da forza ed enfasi al parlato;
Permette all’altro di pensare e di capire;
Permette a te di formulare meglio il pensiero;

Mostra interesse, comprensione, empatia. Aiuta a gestire il disagio emotivo.

Se parli con un estraneo o con una persona che conosci poco EVITA ASSOLUTAMENTE LE DOMANDE PERSONALI. Sono terribili perché non puoi sapere quale dramma possono celare. Oppure, semplicemente, spesso le persone ci tengono a mantenere strettamente chiusa la propria area privata. Evita di chiedere: “Sei sposato/a”; “Hai figli?”, e poi cosa ancora peggio, NON far seguire a queste indiscrete e inopportune domande il “Perché non hai figli?”, “Perché non sei sposato/a?”.

Come migliorare il proprio modo di comunicare

Esercizio di autovalutazione del tuo stile comunicativo

Vuoi sapere come comunichi?
Fai questo gioco e valuta il tuo stile comunicativo

 


I corsi di Psicologia e Comunicazione
Corso di comunicazione efficace
Corso di Autostima
Corso di Rilassamento Muscolare

Vieni a scoprire tutti gli incontri di gruppo
Per superare la Depressione
Per superare la Dipendenza Affettiva e la Gelosa Ossessiva
Per le Coppie in Crisi
Per vincere Ansia e Attacchi di Panico

Scarica le guide gratuite
Il linguaggio della seduzione
Scopri come affinare le tue abilità nel gioco di coppia e la sua psicologia.
La Potenza dell’Autostima
Inizia oggi a migliorare te stesso per migliorare la tua Vita.
Relazioni Interpersonali
Usa il potere della persuasione nelle relazioni interpersonali