40 anni single da sempre

È l’8 di gennaio 2019, il nuovo anno porta con sé i soliti vecchi temi, perché? Anno nuovo vita vecchia: davvero?

Perché non si abbattano i soliti stereotipi? Gli stereotipi rappresentano le nostre paure?

 

Oddio che fatica tornare single a 40 anni, e ora che succede?

Ho 40 anni sola e senza figli, io sto bene ma la società mi fa sentire Bridget Joans!

Trovarsi soli a 40 anni, mi sconvolge perché io non sono mai stata sola (o solo)

Come uscire dalla solitudine 40 anni?

 

La storia del single da sempre

 

40 anni single da sempre: l’uomo

 

Un racconto di un uomo: “Un giorno mi sono svegliato di soprassalto, sudavo, tremavo, avevo il fiatone, un brutto sogno, nel quale una vocina mi ripeteva che oggi era il mio compleanno: compivo 40 anni. Mi sgridava, perché ancora ero single a 40 anni! In realtà non ho mai dato molta importanza a questo, perché mi piace essere spensierato, non avere responsabilità, poter pensare liberamente a me. Ma forse questa vocina si è insinuata perché in realtà, è il solito ritornello che sento dalle donne con le quali esco io, e che lascio, prima ancora che possano essere loro a lasciare me. Ed ora mi sento in preda all’ansia e all’insicurezza”.

Ecco questa è una delle tante storie che mi raccontano i 40enni single da sempre, come si definiscono loro, ma questo è il racconto della parte maschile.

Sta di fatto, e questo è un fatto! Che la società “perdona “l’uomo single, anzi ne fa un vanto. Infatti, è chiamato lo scapolo, se poi è appetibile è lo “scapolo d’oro”. Gli amici gli dicono: “Ei non ti sei fatto ancora accalappiare?” E via così, tutti epiteti positivi. Anche se poi l’uomo single a 40 anni, può soffrire di solitudine, si sente davvero, ancora più solo, perché i suoi amici non lo capiscono, e confidarsi con loro è difficile, così si rinchiude ancora di più nella sua sofferenza fatta di solitudine. Ed è proprio qui che possono apparire i sintomi legati all’ansia, disturbi dell’umore, e stress.

 

40 anni single da sempre: la donna

Il racconto delle donne è ben diverso, e di solito suona in questo modo:

 

“Mi terrorizza sentirmi da sempre una single, e ora che ho 40 è ancora peggio. A 40 mi trovo sola e senza figli. Ma non capisco cosa mi faccia stare più male: ciò che dice la gente o ciò che sento io. Hai visto il film Bridget Jones?  Il primo, quando i è invitata a cena a casa di amici e sono tutti accoppiati, e, una di queste coppie aspetta un bambino, la guardano e le dicono, con faccia schifata : “-tic tac quando tocca a te-, il tuo orologio biologico passa”.
E le dicono anche che, una donna non può pensare solo alla sua carriera. Ma perché no? Perché invece all’uomo è concesso? Mi fanno una rabbia. Io mi sono sempre sentita libera e felice, con una equilibrata autostima, rispetto gli altri, ho sani principi, ma ora la società mi fa sentir sbagliata. Ho iniziato a soffrire di ansia. Io che adoro stare in mezzo alla gente e uscire, ora la rifiuto, preferisco stare in casa, perché so, che li, nessuno mi giudica. E’ ansia sociale? Mi sento veramente male. Ma è davvero così sbagliato essere single a 40 anni?  La società con le donne è davvero crudele, zitella è l‘aggettivo più carino che la società abbia saputo trovare! Frasi come: non hai figli, obbligano la donna a sentirsi ancora di più a disagio.”

Ieri, mentre ero al bar a bere il mio caffè, un uomo, parlando con un altro uomo dice questa frase:   “ Io disprezzo quelle donne che hanno deciso di non avere figli e si prendono gli animali!”

Subito la mia reazione è stata di rabbia, ma poi mi sono messa a ridere, perché ho iniziato a riflettere sulla forza dei condizionamenti della società, e sui suoi stereotipi.

I due amici hanno continuato a parlare, e l’altro gli dice: “Ma tu che ne sai di come po’ essere la vita di una persona che non conosci? Perché sei così cattivo? Cosa ti fa essere così duro, odi le donne?” E l’amico gli risponde: “No, io non odio le donne, ma odio gli animali”, e l’interlocutore quindi gli dice: “Pertanto spari cattiverie contro le donne solo perché non ami gli animali? E come mai odi gli animali?”, e l’altro risponde: “Ma perché io, sin da piccolo volevo un cane, ma non sono mai riuscito ad averne uno, così ora odio tutti gli animali, e i cani in particolare”.

So che non è carino, ma sono scoppiata a ridere insieme all’amico! Come avrei voluto parlargli dell’effetto benefico della relazione con gli animali ….

Quindi in realtà, alla base di uno stereotipo c’è un’emozione: rabbia, tristezza, impotenza, insicurezza, paura.

Comunque, andiamo avanti con l’argomento 40 anni single da sempre.

 

Liberarsi dallo stato mentale della paura del single a 40 anni

Due concetti chiave: autostima e obiettivi personali

Io sono convinta che, un sano atteggiamento mentale verso sé stessi è la vera ricetta per il benessere. Imparare a volersi bene, a riconoscere che ognuno di noi ha bisogni, desideri e aspettative, e che questi sono influenzati dalle nostre esperienze.

Impariamo davvero a voler bene a noi stessi perché questo rinforza l’autostima, la vera arma per piacere poi anche agli altri.

La potenza dell’autostima  è ciò che ci fa avere le idee chiare, anche in merito ai nostri obiettivi personali. È  la struttura portante della nostra personalità, è ciò che costruisce la nostra resilienza, cioè la capacità di resistere agli urti della vita. È ciò che fa rispettare noi stessi e gli altri, senza avere il timore dei loro giudizi: è assertività.  Che vedo come la libertà di pensiero e di azione. È quello stato mentale che ci permette di riconoscere ad esempio, una relazione sbagliata, non equilibrata, dove la gelosia la fa da padrona, e imprigiona in un rapporto senza respiro. Laddove al posto della libertà, s’insinua la dipendenza affettiva.

Quindi, ripartire da sé stessi: mettere a fuoco se stessi, e trovare finalmente i propri obiettivi. Come si fa? Continua a leggere, c’è la ricetta!

 

Come uscire dalla solitudine a 40 anni

La solitudine può arrivare per tante ragioni: il single convinto che inizia a sentire la mancanza di un rapporto stabile, di una persona veramente vicina, davvero interessata al suo benessere, una persona a cui dare tutte le proprie attenzioni e l’affetto.

La solitudine dopo la fine di un rapporto. Un doloroso divorzio, se poi conflittuale, è difficile da superare. E vi assicuro che come CTP (Consulente Tecnico di Parte nelle cause di separazione e divorzio) ne  ho viste davvero di tutti i colori!

Un lutto improvviso che ci lascia devastati, persi, smarriti, con sentimenti contrastanti tra la rabbia, il senso di colpa, l’incredulità. E uscire dal lutto sembra impossibile, affrontare la perdita è troppo doloroso. Ma anche in questo caso vincere la solitudine è possibile, bisogna tornare in mezzo alla gente, ad esempio i gruppi di mutuo aiuto per affrontare la perdita possono essere quello stimolo che fa riprendere fiato e dare una nuova direzione.

Oppure, semplicemente, e dolorosamente non accettarsi single a 40 anni, o a qualunque età!

 

Come uscire dalla solitudine a 40 anni?

A dispetto delle Tue convinzioni e di quelle di questa società, ripartire da sé stessi, non solo è possibile, ma è l’unica strada che permette di riprendere in mano la Tua vita con grande soddisfazione, e ritrovare nuova gioia, straordinari stimoli, inattese emozioni.

Come si fa? Ecco alcune semplice domande stimolo, che Ti invito a scrivere:

 

  • Cosa mi piace fare?
  • Cosa mi attrae?
  • Come scopro cosa mi pace fare?
  1. Sfoglia riviste di argomenti vari, gira a piedi per le strade della tua città o paese, e leggi i volantini che trovi, dove pubblicizzano eventi o attività.
  2. Curiosa in quei posti in cui non sei mai entrato: una palestra, una sala da ballo, un museo, un’agenzia di viaggi.
  3. Internet può essere di grande aiuto, può farti scoprire gruppi di persone che fanno cose che potrebbero piacere anche a te. Gite di gruppo nella natura, trekking, gite turistiche in città d’arte ….

Come vedi sono tante le possibilità, so che ora ti senti perso, a disagio, forse questo mondo non ti piace, non ti senti a tuo agio, ma ricorda una cosa: tutto ci appare oscuro e ci crea disagio se non lo conosciamo. Quindi, parti e vai alla scoperta della tua nicchia d’interesse.

Lavora sull’autostima riprendi il potere sulla tua vita. Corso di Autostima e Motivazione pronti a cambiare vita, ritrova la Tua direzione.

Un passo alla volta e tutto cambia, perchè PICCOLI PASSI GRANDI CAMBIAMENTI, questo ti permette di uscire dalla solitudine.

Scarica le guide gratuite

Relazioni Interpersonali – La Guida

Quanto sarebbe bello sapere cosa sta pensando realmente l’altro? Alla base del business: La capacità di creare sane relazioni professionali Se ti parlo di manipolazione e contro manipolazione? Ti sei mai sentito manipolato dai tuoi potenziali…

La Potenza dell’Autostima

Qual è la soluzione per una bassa autostima? Se sei qui è perché hai bisogno di trovare il modo per ricaricarti. Forse ti senti stanco e privo di energia. Ti senti impotente di fronte alle tue difficoltà? Vorresti cambiare le cose…

Il Linguaggio della Seduzione

Come Sedurre e Combattere la Solitudine Prima dei 40 anni La seduzione è un gioco e il linguaggio del corpo può essere usato per creare segnali di attrazione…già, ma come? Spesso la paura del giudizio degli altri ci blocca proprio quando…

Vieni a scoprire tutti gli incontri di gruppo

Gruppo di sostegno per le coppie in crisi

La crisi è quando non puoi più dire “lasciamo perdere”. Arthur Bloch, Precetto di Ferguson, La legge di Murphy II, 198 Gruppo di sostegno per le coppie in crisi: l'aiuto del gruppo La crisi di coppia: le cause La crisi di coppia può…

Gruppo mutuo aiuto per affrontare il lutto

“Accade facilmente, a chi ha perso tutto, di perdere se stesso.” Primo Levi Questo fiore il Dente di Leone nel linguaggio dei fiori, comunica senso di fiducia nella vita e di speranza per il rinnovamento, è un fiore forte, capace di sopravvivere…

Incontri di gruppo per superare la depressione

La sofferenza è una specie di bisogno dell’organismo di prendere coscienza di uno stato nuovo. Marcel Proust Che tipo di depressione ho? Uscire dalla Depressione – Come capisco se sono depresso? Ci sono diversi tipi di depressione,  occorre prima…

Incontri per vincere ansia e attacchi di panico

L’inferno era vuoto, e tutti i diavoli erano lì. William Shakespeare Incontri per vincere ansia e attacchi di panico: la forza del gruppo Il gruppo per i disturbi d’ansia e gli attacchi di panico è pensato per adulti di età maggiore di 18 anni…