Valutazioni e Perizie

Valutazioni e Perizie


CTP-Consulente Tecnico di Parte
Il consulente tecnico di parte nelle cause di separazione e divorzio

Quando serve il CTP-Consulente Tecnico di Parte

Il CTP-Consulente Tecnico di Parte può essere richiesto dal cliente in questi casi:

Nelle cause di separazione o divorzio tra genitori, possono esserci dei problemi di comunicazione tra gli ex coniugi o compagni, tali da rendere difficile l’equità del Giudice nel capire come proteggere l’interesse del minore.

Così il Giudice può richiedere una Consulenza Tecnica di Ufficio (CTU) e le parti nominare il loro Consulente Tecnico di Parte (CTP).

Valutazione delle competenze genitoriali

Essere genitori competenze genitoriali
Le ricerche scientifiche nella valutazione della genitorilità

La psicologia clinica, la psicologia giuridica insieme alla psicologia dello sviluppo hanno studiato le modalità attraverso le quali i genitori svolgono e assolvono il loro ruolo genitoriale, favorendo lo sviluppo psicosociale dei figli.

Perchè le competenze genitoriali sono così importanti per lo sviluppo psico-fisico del bambino e per la soddisfazione dei genitori?



stress e resilienza

Stress e Resilienza

Stress e Resilienza: un binomio efficace

Stress e Resilienza giocano in equilibrio tra loro. Ma cosa impedisce questo equilibrio?

La resilienza è la nostra capacità di affrontare le situazioni difficili, e quanto tempo riusciamo a resistervi. Questa capacità dipendendo: da esperienze precedenti, atteggiamento mentale, valore che diamo a noi stessi, la motivazione ad affrontare tali situazioni.

Possiamo riassumerlo in questo schema:

Stress = capacità di reagirvi + autostima + motivazione = RESILIENZA

Lo stress è una componente importante per il nostro benessere
Si! Lo stress non è solo negativo ma è anche positivo perché ci permette di avere la “carica” per affrontare: sfide, nuove situazioni, problemi legati alla vita quotidiana.

Lo stress è anche un processo finalizzato ad un migliore adattamento all’ambiente e quindi come stimoli necessari ad una reazione di adattamento.

Da qui strategie di coping: To cope  significa “far fronte”, “tener testa a” comporta una serie di tentativi per fronteggiare gli eventi considerati difficili o comunque superiori alle proprie capacità. Quindi si azionano personali e soggettivi meccanismi di difesa che consentono al soggetto di fronteggiare situazioni pericolose.

Stress e resilienza. Perché lo stress può essere positivo?

Tutto dipende dalla nostra personale valutazione e dalle risorse interne ed esterne a noi che riusciamo ad attivare.

EU-STRESS –> SI, CONTROLLO L’EVENTO –> stress positivo –> motivazione –>  autostima: sto bene!

DI-STRESS  –> NO, NON CONTROLLO L’EVENTO  –> stress negativo  –> non ho la forza di affrontarlo, perché ne ho paura  –> inibizione  –> l’evento mi schiaccia  –> mi fa sentire debole e vittima degli eventi  sto fermo, non faccio  –> de-motivazione  –> ansia  –> perdita di autostima

BIOLOGIA + EMOZIONI + PENSIERI = STRESS ( che può essere Eu-stress o Di-stress)

L’importanza dell’evento scatenante nel determinare la reazione allo stress e la resilienza
EVENTO  –> EMOZIONE  –> RISPOSTA ATTACCO o FUGA:

è un riflesso adattivo che permette all’individuo di fornire risposte a stimoli percepiti come pericoli attivando così processi corporei necessario all’attacco o alla fuga. In questo senso lo stress è necessario perché ci permette azioni utili alla nostra sopravvivenza. Quindi determina le nostre azioni. È solo attraverso le azioni che si aumentano le capacità di fronteggiare lo stress (COPING).

Succede questo:

Se un EVENTO viene interpretato come PERICOLOSO avviene l’attivazione fisiologica.

COGNIZIONE – valutazione della situazione: C’è pericolo? Riesco a gestirlo?

L’EMOZIONE: opportunità, sfida, paura?

Il nostro corpo lavora per mantenere un equilibrio interno detto OMEOSTATICO quindi ci saranno situazioni per cui un certo grado di attivazione è fondamentale per la buona riuscita dell’impresa stessa.

Pertanto  stress e ansia ci aiutano nell’impegno per l’esecuzione e il fronteggiamento.

È per questo motivo che è fondamentale l’atteggiamento mentale: le parole che diciamo a noi stessi influenzano e condizionano le nostre emozioni e le nostre azioni.


Rilassamento muscolare

Rilassamento muscolare

Esercizi di Rilassamento Muscolare.
Come eliminare le tensioni del muscolo con queste tecniche.

Negli anni ‘30 Jacobson si è occupato come medico e ricercatore di come funziona la muscolatura. Egli si accorse che la tensione muscolare compariva spesso in concomitanza con inquietudine interiore, stress e paura. Un uomo internamente in tensione o spaventato è spesso teso, anche sul piano muscolare.
Tuttavia, non solo la tensione psichica porta ad un aumento di tensione muscolare, ma è vero anche il contrario: una distensione della muscolatura comporta una sensazione di calma. C’è dunque, un rapporto tra psiche e corpo che agisce in entrambe le direzioni: la psiche esercita un’influenza sul corpo e viceversa, modificazioni somatiche possono produrre cambiamenti nello stato psichico. Edmound Jacobson definisce il training da lui elaborato Rilassamento Muscolare Progressivo – RMP.
Si tratta di una distensione che avviene per gradi: si rilassano uno dopo l’altro i vari gruppi muscolari, raggiungendo così uno stato di calma sempre più profondo. Ciò permette di avere un reale controllo sulle tensioni.

Sia nei disturbi di ansia sia in quelli legati allo stress una componente fondamentale è l’aumento della tensione dei muscoli in risposata alle situazioni creano ansia e stress.

Anche in condizioni normali, i muscoli hanno livelli di tensione variabili nell’arco della giornata, a seconda delle circostanze.

Per esempio, in chi soffre di attacco di panico, la tensione muscolare dura a lungo e continua a comunicare al cervello sensazioni di allerta. Diventa più sensibile e risponde con l’ansia, l’iperventilazione e il panico a stimoli anche piccoli come se si trattasse di minacce reali.

E visto che ansia e stress sono collegati, imparare a rilassarsi serve a controllare tensione muscolare e l’aumento di ansia conseguente.

Gli Esercizi di Rilassamento Muscolare Progressivo contro le tensioni fanno sempre bene, sono molto utili non solo in situazioni di stress o ansia. Anche chi sta bene può stare ancora meglio. È un modo per prendersi un momento per se stessi, per staccare la testa dai pensieri quotidiani. È un come avere una beauty farm personale a casa propria.

Poiché un certo grado di tensione può essere utile, è importante imparare a distinguere la tensione utile da quella eccessiva.

La tensione muscolare è superflua quando:

  • non serve a preparare la persona all’azione;
    è eccessiva per l’attività che si deve svolgere;
    rimane elevata ance dopo la fine della situazione che l’ha prodotta

Imparare a Rilassarsi

Per imparare a rilassarsi bisogna imparare a riconoscere la tensione, e quindi a rilassare il corpo in generale, e alcuni muscoli in particolare.

Di solito, per riuscirci è necessario impegnarsi attivamente tutti i giorni. Se praticato tutti i giorni, diventa una piacevole abitudine alla quale il corpo cede molto volentieri, e la mente ne trae sollievo e giovamento.

Per chi ha figli, farlo insieme ai bambini, diventa una piacevole attività da condividere per tutta la famiglia perché i suoi benefici sono molteplici, vediamoli:

  • Aiuta nelle situazioni di ansia e di attacco di panico
  • Riduce lo stress
  • Efficace nell’insonnia
  • Ottimo coadiuvante che aiuta ad affrontare situazioni importanti (prima di una riunione, un intervento in pubblico, ecc…);
  • Può essere di aiuto nel Bruxismo, quando questo nasce da tensioni legate allo stress

Quando la tensione muscolare dura da molo tempo, spesso la persona non se ne rende conto. Avere i muscoli tesi può essere diventata un’abitudine antipatica alla quale ci si costringe ad adattarsi come se tale tensione fosse inevitabile e impossibile da sconfiggere.

Ma non è così.

Gli Esercizi di Rilassamento Muscolare Progressivo contro le tensioni consistono nel rilassare i muscoli uno dopo l’altro, fino a raggiungere lo stato globale di rilassamento che coinvolge tutto il corpo.

In pratica il cervello impara a riconoscere quali muscoli sono interessati dalla tensione, e questa consapevolezza porta a fare gli esercizi di rilassamento interessando proprio quella zona muscolare interessata dalla tensione. E’ questo che significa risposta automatica di rilassamento.

Se sei interessato ad approfondire o a imparare questa tecnica ti invito a vedere il Corso di Rilassamento Muscolare Progressivo

Esercizi di Rilassamento Muscolare Progressivo contro le tensioni per insegnare al corpo la risposta automatica di rilassamento.

Le tecniche di rilassamento muscolare si sono rivelate così utili per il benessere e la salute che la rivista Starbene ne ha pubblicato un articolo.

Sono oramai 14 anni che lo insegno in ambito clinico e i risultati sono ottimi.
Vi riporto qui sotto un estratto del mio artico che comparirà a breve nel mio nuovo sito.
Buona lettura …

Il Rilassamento Muscolare è utile per calmare gli stati d'ansia, di stress o combattere l'insonnia.
E' una tecnica molto semplice da imparare, vieni a scoprire il corso di Rilassamento Muscolare Progressivo


Stress: È possibile cancellarlo?

Cosa significa parlare di stress

La parola stress fa parte del nostro vocabolario quotidiano. Il lavoro, la casa, la famiglia, gli impegni. E’ un compromesso con il tempo.
Chi di noi non dice: “Vorrei avere più tempo per me? Ma non ci riesco?”
Anche hobby e sport possono diventare una fonte di stress.

Lo stress e il nostro corpo

Per stress s’intendono le pressioni che ricadono su di noi, e che noi sentiamo di subire. Sono delle sollecitazioni, cioè richieste che facciamo al nostro corpo.

Finchè ad un certo punto il nostro corpo ci dice : “Basta! Ei, prenditi una calmata perchè io non resisto più!”

Il corpo ci parla attraverso i sintomi psicosomatici. Mal di testa, ma di stomaco, sfoghi cutanei e altro, ci facciamo visitare, e per fortuna siamo sani come pesci, allora perchè stiamo male?

Perchè lo stress ha indebolito il sistema immunitario, e ha reso il corpo sensibile e vulnerabile, a disturbi, che, altrimenti, non avremmo.

Stress e atteggiamento mentale

E’ anche vero che non per tutti situazioni uguali creino stress. Molto dipende anche dalla soggettiva percezione di quella situazione, da quanto ci sentiamo capaci di affrontare le situazioni stressanti (capacità di coping),

e anche dalla nostra capacità di reagire sotto stress (resilienza).

Lo stile di vita

I modi per combattere lo stress dipendono molto da quanto siamo disposti a cambiare lo stile di vita.

Ecco alcuni suggerimenti:

  • Movimento all’aria aperta
  • Se si è abituati a fare pausa pranzo al chiuso, abituarsi ad uscire dal luogo di lavoro
  • Non fare pausa pranzo davanti al pc. Anche se non si sta lavorando non si permette al cervello di staccare e di riposare
  • Fare, se è possibile, qualche attività divertente, che permetta alla testa di non pensare
  • Il divertimento è un ottimo balsamo, perchè produciamo endorfine, sostanze naturalmente prodotto dal cervello, con funzione analgesica e eccitante e sono coinvolte in  molti processi del nostro organismo
  • Imparare a rilassarsi. Il rilassamento muscolare può essere una sana abitudine che permette di alla mente di staccarsi completamente dalle tensioni portando benessere.

Se ti interessa conoscere il rilassamento muscolare progressivo e vuoi capire se può essere adatto alle tue esigenze, vieni a vedere il Corso di Rilassamento Muscolare Progressivo