Voglio combattere l’ansia sociale - Patrizia Marzola Psicologa Clinica Fidenza
 

Voglio combattere e vincere l’ansia sociale

Salve, ho 21 anni, si da piccolo ho avuto problemi legati alla mia emotività, che non sapendo esprimere in tenera età mi ha portato pure ad essere sotto cura di uno psichiatra.

Il ricordo di ciò mi turba, ma anche se diverso da questo so che  chiunque nella sua infanzia ha passato momenti più o meno brutti quindi non voglio più pensare al passato e neanche al futuro, voglio focalizzare il mio interesse nel presente. Io soffro molto d'ansia e negli anni ne avrò accumulata talmente tanta che adesso soffro pure di attacchi di panico, dopo questi ultimi la mia paura si è incrementata, è difficilmente riesco ad avere la vita sociale che avevo prima.

Per un'uscita con gli amici è un grande sacrificio quando invece prima era un piacere, ed uscire in questo modo mi pesa mi sfinisce ed evita che nella stessa giornata io esca ancora.. questo mi induce alla pigrizia, al non voler uscire o prendere iniziative, vorrei sapere come poter portare un pò di serenità in tutto questo, grazie per l'attenzione distinti saluti.

Anonimo

Risponde la psicologa Patrizia Marzola

Ho letto attentamente il tuo racconto e capisco come tu ti senta ora. Confuso e con la voglia di ritrovare la serenità che ti consenta di ritrovare i tuoi ritmi di vita e le tue abitudini.

Tu mi chiedi come puoi fare?

Un passo alla volta devi costringerti ad uscire e a fare tutte le cose che facevi prima. Ma a piccole dosi.

Prova con questo esercizio:
scrivi su un foglio le varie situazioni che ti creano ansia, e mettile in ordine dalla più ansiosa a quella meno ansiosa e poi parte dalla situazione che ti crea meno ansia in assoluto.
Ad esempio. Supponiamo che il tuo obiettivo sia uscire di nuovo con vecchi amici con i quali non esci più da tanto.

Descrivi passo passo le cose che dovresti fare raggiungere l’obiettivo.
1.      telefonare per riprendere il contatto
2.      telefonare altre volte per parlare
3.      telefonata per invitare ad uscire
4.      uscire

Questo è solo un esempio. Tu prova a metterlo in atto, ma parti sempre dal primo passo, quello che per TE è più semplice che ti crea meno ansia per poi arrivare a quello successivo.

Tu non hai idea di quante persone si trovano nella tua stessa situazione, tu hai avuto il coraggio di chiedere aiuto, magari se altri leggessero la tua storia potrebbero avere il coraggio di scrivere la loro storia, e magari raccontarti come loro hanno fatto a ritrovare la loro serenità. Scrivi anche tu la tua storia, trova aiuto e supporto da altri che vivono o hanno vissuto il tuo stesso problema, combattiamo insieme il silenzio e la solitudine che  accompagnano l’ansia o stati emotivi negativi.

Buon lavoro
 
 

Contatta la psicologa

Patrizia Marzola

Studio a Fidenza (Parma),  in Vicolo Zuccheri, 11

Tel 0524 202361
Mobile 328 1971882
Mail consulenza@psicologiaecomunicazione.it