Sessualità e linguaggio del corpo - Patrizia Marzola Psicologa Clinica Fidenza
 

Sessualità e linguaggio del corpo

L’argomento di oggi lo ha ispirato una domanda che mi è stata fatta dal mio sito, una lettrice mi chiede : “Non so spiegarmi perché  a volte con lo sguardo si cerca il sesso opposto  “
La risposta è legata ad una questione di adattamento naturale, sopravvivenza fa parte della natura stessa dell’essere umano, il fatto di cercare l’altra metà che corrisponde alle proprie esigenze personali.
Così quando siamo in mezzo agli altri, il nostro corpo invia segnali a noi stessi e agli altri, comunica la nostra disponibilità a conoscere per iniziare una relazione interpersonale, poi dalla relazione, con il tempo e l’affinità si può creare qualcosa di più.

Perché ci sono persone che non si appagano? Sono sempre alla continua ricerca di un altro partner?

Perché è legata a diversi aspetti dell’individuo: ricerca di soddisfazione personale, le aspettative che si hanno verso i rapporti di coppia, e il tipo di eccitazione che si ricerca. Quando si forma una coppia, essa vive diversi passaggi: forte emozione, alto grado di eccitazione, è la fase dell’innamoramento, il tempo passato insieme non basta mai! Poi con il tempo la passione si trasforma in un forte legame, ecco che arriva così l’amore, cioè quel sentimento che fa unire la coppia.

Quindi anche la nostra ricerca di uno più partner può essere legata a diversi fattori, non solo emotivi ma anche mentali?

Certo, ricordiamo sempre che mente e corpo sono legati, ognuno di noi ha desideri diversi, che sono legati anche alla realizzazione di sogni e desideri, così le nostre azioni sono volte alla loro soddisfazione.

La continua ricerca di partner può anche essere legata ad un bisogno personale di sentirsi ancora piacenti? In grado di suscitare interesse?

Due motivi credo che siano alla base di questa ricerca: uno è legato al bisogno di sentirsi ancora piacenti e di suscitare interesse; l’altro motivo credo sia legato ad’una esigenza di ricerca di eccitazione, di stimoli forti che possano abbattere il “piattume emotivo”, come ad esempio la noia.

Dott.ssa Patrizia Marzola
Psicologa Parma

Contatta la psicologa

Patrizia Marzola

Studio a Fidenza (Parma)  in Via Zani, 46

Tel 0524 202361
Mobile 328 1971882
Mail consulenza@psicologiaecomunicazione.it

Studio Psicologia e Comunicazione di Patrizia Marzola

Via Montanara, 15 - 43100 Parma
Tel     +39 0521 19.12.155
Fax     +39 0521.19.12.156
Mobile  + 39 328 19.71.882
Mail   info@psicologiaecomunicazione.it