Pet Therapy - Patrizia Marzola Psicologa Clinica Fidenza
 

Pet Therapy - IAA - INTERVENTI ASSISTITI CON GLI ANIMALI

Cosa vuol dire fare Pet Therapy , IAA - Interventi Assistiti con Animali

La Pet Therapy è un’opportunità per promuovere il benessere complessivo di un individuo, inoltre rende più forte la qualità e il valore della relazione tra l’uomo e l’animale.
 
Si, perché parlare di Pet Therapy significa parlare di relazione, infatti il beneficio che se ne trae, in base allo specifico obiettivo d’intervento, nasce dal particolare rapporto emotivo che si crea tra l’incontro del pet e della persona con cui interagisce. 
 
Quindi per aiutarvi a capire quale valore di benessere può dare all’individuo devo indicarvi in che modo vengono divisi e classificati gli interventi con gli animali, proprio per evitare, non solo di banalizzare, ma di non riflettere sull’importanza dell’adozione di un metodo opportunamente progettato, identificando gli specifici obiettivi dell’intervento. Pertanto l’attività viene studiata, progettata e condotta tenendo in considerazione due aspetti fondamentali: il benessere dell’animale e il benessere della/delle persona/e a cui è diretta.
 
Partiamo dalla giusta denominazione: IAA - Interventi Assistiti con Animali - essi hanno valenza terapeutica, riabilitativa, educativa e ludico-ricreativa e comprendono tre ambiti di intervento: TAA- Terapie Assistite con gli Animali; EAA- Educazione Assistita con gli Animali e AAA - Attività Assistite con gli Animali.
 
Per fortuna queste attività sono state regolamentate da:
 
  • La normativa: Accordo Stato Regioni sul benessere degli animali da compagnia e Pet Therapy  pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 3 marzo 2003. Che norma il benessere dell’animale e la formazione degli operatori;
     
  • Carta Modena dei valori e dei principi sulla pet-relationship: 
a. Titolo 1. La Tutela Degli Animali
b. Titolo 2. Il FRUITORE  
c. Titolo 3. L’Interazione Uomo-Animale
d. Titolo 4. Le Prassi
 
  • Carta dei Servizi:
Cap. 1. La Sicurezza igienico sanitaria
Cap. 2. La sicurezza Comportamentale 
Cap. 3. Le Caratteristiche Del Team Prescrittivo
Cap. 4. Le Caratteristiche Del Team Operativo
 
La Pet Therapy dunque NON DEVE essere banalizzata ad un semplice incontro con un animale e dove si fa “qualcosa” e come per magia ecco che si ha l’effetto benefico.
No. Al contrario questo tipo di sottovalutazione può portare a gravi conseguenze sia per l’animale sia per l’essere umano, adulto o bambino che sia.
 
Pertanto è importante sottolineare che i BENEFICI DELL’INTERVENTO dipendono da un’attenta progettazione, la scelta della metodologia (compreso il luogo dell’intervento e la scelta di quale animale è più adatto) che andranno a determinare una specifica relazione tra l’animale e la persona, e che l’intervento di pet therapy è il frutto del pieno coinvolgimento delle persone coinvolte, dove l’operatore, con il suo occhio attento con la stessa intensità sia all’animale, sia alla persona, sia al contesto, è capace di favorire i processi di potenziamento e di indirizzo referenziale.
 
La Pet Therapy è un’azione co-terapeutica di un progetto che ha come obiettivo la facilitazione di un processo terapeutico già in atto, quindi si crea una sinergia tra processo terapeutico e relazione con il pet che ha l’obiettivo di facilitare il miglioramento delle condizioni di benessere psico-fisico dell’individuo a cui, questa sinergia è mirata.

Pertanto la Pet Therapy s’inserisce nelle aree di intervento su cui già si sta lavorando, individuando quali obiettivi si possono ottenere attraverso un’attività reazionale con gli animali, nel mio caso il cane, il mio pastore tedesco a pelo lungo: Gaetano. 

Perché la relazione che l’uomo instaura con gli animali contribuisce al suo benessere?

La presenza di un animale suscita nelle persone in genere, un’attenzione tutta particolare e un gran numero di emozioni diverse: dalla meraviglia al disgusto, dalla gioia alla paura. Nella maggior parte di noi innesca un processo di focalizzazione che, pur con differenze tra gli individui, ci porta ad essere attratti dall’animale che abbiamo di fronte. 

Cosa stimola nei bambini e negli adulti un progetto di Pet Therapy?
 
  • Maggior tendenza ad esprimere emozioni: la cui natura dipende dal singolo individuo;
  • Una più spiccata libertà espressiva: stimola ad usare il linguaggio del corpo;
  • Stimola la motivazione ad apprendere nuovi contenuti (chi è l’animale, la storia della specie, come vive, come comunica, come mi metto in relazione con lui ….)
  • Una spinta motivazionale: fare, impegnarsi per capire, per vivere al massimo questa nuova esperienza relazionale;
  • Maggiore coesione tra i partecipanti nell’interagire reciprocamente in vario modo (tra loro, tra loro e l’animale).

Possiamo riassumere i benefici dell’interazione con l‘animale come un momento di scambio che facilita l’espressione della persona, liberandola dalle riserve che normalmente presenta. Nella Pet Therapy il coinvolgimento ha un ruolo chiave.

Quindi un efficace intervento di Pet Therapy va progettato e pianificato nei minimi dettagli, definendo obiettivi da raggiungere e attraverso quali modalità, scegliendo con cura le attività.
Questo permetterà di creare una vera, sana e genuina relazione tra tutti i membri coinvolti: umani e animali.

Per avere informazioni non esitate a chiamarmi o a scrivermi, ci incontriamo e possiamo stabilire insieme se, partire e cosa fare.
Potete scrivermi a info@psicologiaecomunicazione.it
Potete chiamarmi al 328 1971882 oppure in studio 0524 202361 
se non posso rispondere lasciate un messaggio con il vostro recapito, sarò lieta di chiamarvi.

Patrizia Marzola 
Psicologa clinica Fidenza

Studio Psicologia e Comunicazione di Patrizia Marzola Iscrizione all'Albo degli Psicologi n° 3524 - P.I. 0228689344

VicoloZuccheri, 11 - Fidenza (Parma)
Tel e Fax 0524 202361
Mobile  328 1971882
Mailinfo@psicologiaecomunicazione.it