La gentilezza nei rapporti interpersonali: utopia o realtà? - Patrizia Marzola Psicologa Clinica Fidenza
 

La gentilezza nei rapporti interpersonali: utopia o realtà?

res324_resize_100x100_2.jpg

Oggi parliamo di un argomento che apre dibattiti infiniti, perché ognuno di noi ha il suo punto di vista rispetto a questo tema.
Ad esempio:

  • c’è chi sostiene che, se siamo troppo gentili, gli altri si possono approfittare di noi;
  • altri pensano che sia giusto essere gentili solo con chi lo è per primo.

Una cosa è certa a volte basta veramente poco per farci uscire dai gangheri, infatti  un recente sondaggio ha rilevato la differenza di comportamento nelle persone tra quando sono in auto e quando sono a piedi.

Quando si è immersi nel traffico siamo meno tolleranti con gli altri perché lo stress è un’interferenza, si mette di mezzo tra la razionalità e l’emozione, e come tutti noi sappiamo le emozioni spesso prendono il sopravvento, così come un fulmine squarcia il cielo sereno, l’emozione trafigge la nostra abituale calma. 
 

Non permettiamo ai piccoli episodi della giornata di trasformarci in automi, poveri di quei piccole gesti che possono rendere la giornata più solare.
 

Cerchiamo di allenarci in questa abitudine “mentale” noi, attraverso delle parole che usiamo su noi stessi, possiamo spronare questo stato d’animo positivo che può aiutarci ad affrontare quelle situazioni dove è più facile perdere la pazienza.
 

Per combattere l’aggressività degli altri c’è solo un modo: non fornire all’attaccante ulteriori appigli che possano generare un circolo vizioso di emozioni negative, come?

  • Io personalmente sorrido spesso, se qualcuno è con me scortese, io cerco di sorridere ugualmente perché il sorriso è un segnale molto utile, abbassa l’aggressività.
     
  • Faccio tanti piccoli gesti di cortesia senza aspettarmi niente in cambio, ovviamente faccio anche attenzione  a non farmi calpestare, essere gentili non significa che dobbiamo trasformarci in esseri deboli pronti sempre a subire, No. Si può rispondere all’aggressività con un atteggiamento aggressivo (vi mando a questo articolo per capire l’utilità dello stile assertivo nei rapporti interpersonali).

Se vogliamo ottenere qualcosa da qualcuno, è più facile ottenerla con la gentilezza che con la prepotenza, questo perché la gentilezza non fornisce appigli.
 

Voi cosa ne pensate?
Partecipate al dibattito sul blog, vi aspetto.

Dott.ssa Patrizia Marzola 
psicologa Fidenza e Parma
 

Studio Psicologia e Comunicazione di Patrizia Marzola

 
ViaAbate Pietro Zani , 46 - Fidenza (Parma)
Tel e Fax
0524 202361
Mobile 328 1971882
Mailinfo@psicologiaecomunicazione.it