L’errore del cliché nel rapporto di coppia - Patrizia Marzola Psicologa Clinica Fidenza
 

L’errore del cliché nel rapporto di coppia

INTRODUZIONE: Internet  è pieno di articoli che sminuiscono e banalizzano tante situazioni di vita diverse. Alcuni addirittura vogliono rinchiudere uomini e donne in gabbie chiamate schemi o copioni che seguono.

Io credo invece nell’individualità, ognuno di noi, uomini e donne, siamo il frutto delle nostre esperienze, che ci hanno inevitabilmente forgiato, e forse a volte condizionato.
Ma non diamo la colpa sempre alla nostra infanzia, o ai genitori, o alle persone sbagliate incontrate, che senso ha fossilizzarsi sul passato, quando esso è già passato quindi non più essere modificato?
Ciò che possiamo fare noi per il nostro benessere è leggere in chiave diversa tutte le nostre esperienze, ed imparare da esse.

Domanda - Vediamo alcuni cliché : le donne fanno sempre un sacco di errori in amore. Si dice che mettono i atto sempre gli stessi copioni ... la seduttrice, l’amazzone .. Si tratta di comportamenti che seguono uno schema determinato e che portano alla fine della relazione ...

Ma è davvero sempre così? Perché la responsabilità degli errori è sempre attribuita alle donne e mai agli uomini, e mai invece alle circostanze più in generale? Prendiamo l’esempio della coppia sposata da diversi anni e, ad un certo punto perde entusiasmo nel rapporto a due. A questo punto le cose possono cambiare ... allora ecco che si tende ad attribuire le colpe  l’uno o all’altra mettendo in scena un altalena in cui la relazione è alternata da litigi oppure lunghi silenzi ....ma soluzione? È ancora lontana.

Domanda- altro cliché: oppure altro cliché, l’uomo non vuole sposarsi perché vede il matrimoni come una catena...

Be anche questo è un vecchio luogo comune, se fosse davvero così non dovrebbero esserci più matrimoni, invece da maggio a ottobre le nostre strade sono costellate da allegri cartelli “Oggi sposi”.

Ho un amico che aborrisce il matrimonio, spiegando i suoi perché, si capisce che è una persona sola, che gli manca un rapporto a due, la gente di lui si stanca presto  perché  non prende mai niente sul serio, ironizza su tutto, parla male di tutto, e tratta tutti senza rispetto, il sentimento prevalente in lui è l’invidia, insomma con tutto questo rancore in corpo, come può dare spazio a sentimenti di amore o di amicizia sincera?

Domanda - altro cliché: matrimoni che finiscono perché lei non da più attenzioni all’uomo, così l’uomo va in cerca di amante, è giustificato perché è trascurato. Ma se lo fa la donna non è perdonata dalla società.

Questo è un cliché che fa arrabbiare molte persone! Chi come me, si occupa di consulenza di coppia, può vedere da vicino come ognuno è alla ricerca della soddisfazione di bisogni primari, e solo nella misura in cui questi bisogni non sono soddisfatti si ricerca altro.

Questo dimostra che i cliché sono veri solo quando le persone vogliono dare spiegazioni semplici a situazioni più complesse, che comportano investimento di energia, cioè lo sforzo per capire davvero il compagno/a , capire le reali esigenze e richieste significa dedicare tempo all’altro ... con ascolto, con attenzione, con pazienza.

Il segreto del benessere di coppia? Non so se ne esiste uno, ma io credo nella comunicazione e nella condivisione, quando questi elementi ci sono, allora la coppia può prendere tutte le decisioni in modo sereno, ed affrontare le conseguenze in modo consapevole, libero dai sensi di colpa.

Dott.ssa Patrizia Marzola
psicologa Parma


 
 

Studio Psicologia e Comunicazione di Patrizia Marzola

ViaVicolo Zuccheri, 11 - Fidenza (Parma)
Tel e Fax 0524 202361
Mobile  328 1971882
Mailinfo@psicologiaecomunicazione.it