Internet e la coppia - Patrizia Marzola Psicologa Clinica Fidenza
 

Internet e il rapporto di coppia

New York - Telephone.JPG

Oggi si parla di internet e di amore, di come tante persone si trovino su internet e di come internet rovini spesso le coppie.

È facile dare la colpa ad agenti esterni quando una coppia manifesta delle criticità. Invece di accusare come al solito internet andiamo a vedere all’interno della coppia. Spesso internet diventa un rifugio per riempire spazi vuoti, spazi che dovrebbero essere riempiti da comunicazione e da condivisione. Chiediamoci il perché si passa più tempo a giocare su internet invece che passare il tempo con il proprio partner. Capisco che non sia facile affrontare certe verità ma, ritrovare il proprio benessere, a volte, può esigere di guardare in faccia la realtà.

DOMANDA: Nella tua esperienza clinica ti sono capitate coppie che si sono rifugiate su internet? Per quali motivi? 
I motivi sono diversi: o per noia nel proprio rapporto coppia, o per i nuovi interessi che nascono da Internet, come il gioco(ad esempio video poker o fanta calcio), altre volte per cercare nuove emozioni erotiche che rimangono comunque, solo virtuali vissute sullo schermo.

DOMANDA: È vero che c’è poca comunicazione all’interno della coppia? E soprattutto nei giovani?
Io credo che il problema sia da leggere in altri termini, cioè che sono cambiati i mezzi a disposizione per comunicare, devi riconoscere che Internet e cellulari hanno reso la comunicazione più stereotipata veloce e dinamica, le mail ma soprattutto i messaggini sono diventati purtroppo gli unici mezzi attraverso comunicare. Già si parla poco in famiglia perché la tecnologia ha preso il posto degli scambi relazionali, pensa anche quando si cena c’è la tv accesa. A volte è l’unico momento della giornata in cui ci si vede e invece di raccontarsi, l’attenzione è volta da un'altra parte.

DOMANDA: Quindi vuoi dire che dovremmo smettere di guardare la tv? 
Ma certo che no, io dico solo di non dare la colpa alla tecnologia se i rapporti e le relazioni interpersonali sono diventati più sterili e più poveri, ma stimolo ad una riflessione consapevole che è questa, cioè chiedersi: quanta voglia ho di condividere con quella persona i miei interessi?

Ciò che ho detto vuole essere solo uno stimolo verso questa riflessione, a me non piace mettermi contro le nuove forme di comunicazione, dico solo che tutto può essere usato bene o male dipende solo da come ognuno di noi vuole vedere e vivere il proprio mondo.

 
 


 

Patrizia Marzola
Psicologa Fidenza (Pr) e Albinea (Re)

 

Studio Psicologia e Comunicazione di Patrizia Marzola

ViaAbate Pietro Zani , 46 - Fidenza (Parma)
Tel e Fax
0524 202361
Mobile 328 1971882
Mailinfo@psicologiaecomunicazione.it