Consapevolezza Comunicativa per migliorare il proprio stile comunicativo - Patrizia Marzola Psicologa Clinica Fidenza
 

Consapevolezza Comunicativa per migliorare il proprio stile comunicativo

Cosa significa consapevolezza comunicativa?
 
  • Quanti di noi ascoltano il proprio modo di parlare?
  • A quanti è successo di essere accusati con una frase di questo tipo: “Ma ti sei ascoltato?”. 

Tara Bennett-Goleman nel libro “Alchimia Emotiva”, descrive molto bene questo fenomeno. L'autrice spiega la necessità dell’imparare ad ascoltarsi. Anzi ne fa il punto di partenza verso la scoperta di se stessi, verso il controllo delle emozioni negative. Sostiene, inoltre, che ottenere un controllo sulle emozioni, non equivale a dire, impariamo a non provare emozioni.

Afferma che:” Avere piena coscienza significa vedere le cose come sono, senza tentare di modificarle. Lo scopo è eliminare le nostre reazioni alle emozioni inquietanti, facendo attenzione a non respingere l’emozione stessa. La piena coscienza può cambiare il nostro modo di relazionarci con le nostre emozioni e di percepirle, senza necessariamente eliminarle”.

Conoscere se stessi è così importante che è ripreso in molti saggi. In “Imparare ad ascoltare” di M. Burlyn-Allen, è considerata un’abilità che permette di aumentare la capacità di comunicare e interagire efficacemente con gli altri. L’autrice sostiene, che ognuno di noi ha un’area cieca, che rappresenta quella parte di noi di cui non siamo proprio consapevoli, e quindi, determinati atteggiamenti, non vengono da noi neanche presi in considerazione. E un’area chiusa, cioè, quegli atteggiamenti che tendiamo a nascondere sia a noi stessi, e agli altri, per timore per paura di affrontarla, perché consapevoli che non ci piacerà.

Nel libro “Se hai qualcosa da dire parla, se no taci” di A. Lucato, la consapevolezza è considerata come l’energia più grande a disposizione del cervello. E’ la consapevolezza che ha il potere di trasformarci; modificare il proprio stile comunicativo in base alle specifiche necessità di ciascuno, al tipo di messaggio e all’interlocutore al quale vogliamo trasmetterlo.

Consapevolezza è prendere coscienza di sé, dei propri linguaggi verbali e non verbali. Comprendere come ci mettiamo in relazione
.

dott.ssa Patrizia Marzola

© Tutti Diritti riservati.  ® Riproduzione Vietata

 

Studio Psicologia e Comunicazione di Patrizia Marzola

VicoloZuccheri, 11 - Fidenza (Parma)
Tel e Fax 0524 202361
Mobile  328 1971882
Mailinfo@psicologiaecomunicazione.it