Capire le donne - Patrizia Marzola Psicologa Clinica Fidenza
 

Come conquistare le donne: primo, capirle!

Studio Psicologia e Comunicazione di Patrizia Marzola

Come conquistare una donna? Come uomo, come posso ...

Come conquistare una donna? Come uomo, come posso capire le donne?

Questo post non ha la presunzione di dettare ne leggi ne regole, ma vuole solo offrire un punto importante di riflessione nel complesso ed affascinante mondo delle relazioni di coppia.

Io come uomo, posso in qualche maniera immedesimarmi in una donna per capire quello che prova?

Per capire cosa prova una donna, l’uomo, può basarsi su diverse osservazioni, ascoltando ciò che dice rispetto ai suoi bisogni e desideri e stimolare il dialogo in questo senso. Spesso, le donne non si aprono con gli uomini perché non si sentono ascoltate, quindi, come possono sentirsi capite da uomini che, non prestano loro attenzione rispetto ad esigenze, desideri e bisogni?
Quando l’obiettivo dell’uomo è capire se la donna con cui sta parlando è interessata a lui sul piano sentimentale, può inizialmente basarsi su alcune considerazioni: risponde subito alle sue domande, oppure, cerca di tergiversare cambiando argomento? Alla richiesta di un nuovo appuntamento dice subito si, oppure, nasconde il suo no dietro a mille impegni, che suonano come scuse?

Da cosa sono attratte le donne?

Cosa le donne trovano attraente in un uomo? Domanda molto affascinante, mi dispiace disilludere, ma la realtà è che ogni donna ha una risposta diversa. Se parliamo di attrazione fisica, ad esempio, ci sono donne attratte dalle spalle larghe sostenute da un’ampia schiena, occhi grandi e sguardo profondo, oppure una linea slanciata; altre donne sono attratte da una corporatura robusta perché danno loro più sicurezza, anche la tanto denigrata “pancetta” può in realtà essere un punto a favore dell’attrazione! Se parliamo di carattere e personalità, la lista è lunga e molto diversificata. Per alcune donne può prevaricare la dolcezza, per altre la rudezza di carattere. Per fortuna, la varietà e la sfumatura di caratteri e di personalità è molto ampia, pertanto ognuno può andare alla ricerca della sua anima gemella che non identifica un ideale assoluto, ma il Suo ideale.

Qual è la differenza tra primo approccio e corteggiamento?

Nel corteggiamento uomo e donna si ricercano, è frequente il gioco della seduzione, riprendersi, allontanarsi, serate romantiche alternate da momenti di gioco, insomma una sorta di corri e fuggi che può portare alla costituzione di una coppia, oppure, finiti i giochi, uomo e donna tornano ad essere due entità separate. Spesso accade che in questo gioco, uno dei due rimane scottato, con qualche ferita da leccarsi.

La tua esperienza clinica cosa può raccontare?

Ho diversi casi da raccontare, uno in particolare molto recente, credo che possa racchiudere le vicende di molte donne e uomini. Lui fresco di divorzio seduce lei, giovane ed attraente fanciulla, tutto inizia come un gioco, finché lei si attacca sempre di più a lui, e lui questo non lo vuole, così gentilmente, le dice che non è pronto per una nuova storia a lungo termine, così inizia il lento e travagliato distacco, ma il gioco si trasforma in vittima e carnefice, le cui pedine sono senso di colpa e rabbia per essere caduti in questa trama.
Storie di tutti i giorni che accadono in continuazione, allora cosa fare? Un paio di osservazioni:
 
  1. Non dimenticare che si è in due ad iniziare il gioco, quindi non colpevolizzarsi, cacciare via i sensi di colpa che sono subdoli e non portano a nulla;
  2. Agire,  affrontare di petto la situazione, per non lasciare strascichi ed andare così avanti, fieri di se stessi;
  3. Pensare in modo costruttivo alle piacevole emozioni che si sono provate, un antico detto recita così: “meglio aver amato anche solo per un istante, che non aver mai amato”

Questo NON è ottimismo ad oltranza, ma un oggettivo punto di vista dal quale guardare la propria realtà, per superare i momenti grigi della proprio vita servono: coraggio, impegno, azione e la speranza fonte di luce verso il proprio futuro.

Rivalutare se stessi attraverso le proprie risorse personali, il vero strumento per il proprio benessere.

Patrizia Marzola
psicologa Fidenza e Parma

Studio Psicologia e Comunicazione di Patrizia Marzola Iscrizione all'Albo degli Psicologi E.R. n° 3524

ViaAbate Pietro Zani , 46 - Fidenza (Parma)
Tel e Fax
0524 202361
Mobile 328 1971882
Mailinfo@psicologiaecomunicazione.it