8 Marzo Lotta ed Emancipazione al femminile una storia di Autostima - Patrizia Marzola Psicologa Clinica Fidenza
 

8 Marzo Lotta ed Emancipazione al femminile una storia di Autostima

In occasione della festa della donna oggi dedichiamo questa puntata a tutte le donne.
Parliamo oggi di lotta ed emancipazione tutta al femminile. 
Oggi parliamo di rapporti di coppia dal punto di vista femminile.
Nella vita di coppia, è purtroppo ancora molto presente la dipendenza disfunzionale verso il partner. Dico disfunzionale nel senso di rapporti di coppia impari, dove uno dei due rinuncia alla propria tranquillità emotiva pur di stare con l’altro.
Nel mio studio ho donne meravigliose e in gamba che non riescono a vedere altre strade oltre a quelle che vengono loro imposte, si costruisce una gabbia fatta di sensi di colpa che lui le ingenera. Il meccanismo è questo, Lui dice a lei: ma come mi lasci? E non ti preoccupi di farmi soffrire? Ti sembra giusto?
E il senso di colpa è uno strumento che crea catene invisibili ma fortissime.
 
  
Cosa rende debole una donna in questo senso? 

Il senso di colpa è un sentimento comune che chiama in causa il senso di responsabilità che è dentro di noi, così i nostri valori forti per noi, ci fanno credere di non aver nessuna possibilità di scelta, trasformando la forza in debolezza emotiva, non si ha la mente lucida per prendere decisioni, si vota se stessi a martiri di una situazione senza via di scampo.
Come si può lottare e combattere? Quale aiuto concreto possiamo dare a noi stessi per non essere più vittime di questi nostri meccanismi?
Una sana autostima è ciò che aiuta a ritrovare la lucidità e la forza per prendere decisioni, anche le più difficili.  Autostima significa fare una valutazione oggettiva delle proprie risorse personali, che vanno dal riconoscimento della propria autoefficacia personale (ovvero so che cosa so fare e quindi posso farlo) e una visone più realistica di se stessi. Un punto importante sono giudizi personali che ognuno da a se stesso,  il giudice più severo siamo proprio noi, ci lasciamo condizionare dai confronti che facciamo tra noi e gli altri, e spesso sono confronti troppo forti che ci impediscono di vedere in modo oggettivo le nostre qualità.

 
  
Quanto le nostre previsioni personali di insuccesso possono ostacolarci?  
Le previsioni personali sugli esiti di un certo corso d’azione agiscono come incentivi. Se ci aspettiamo che i risultati positivi  superino quelli negativi, tenderemo ad essere più motivati a lavorare per riprenderci. Se invece ci aspettiamo che prevalgano le conseguenze negative, ci opporremo al cambiamento. Le aspettative negative possono diventare facilmente “profezie che si autoavverano”: se prevediamo e crediamo che non agiremo bene, effettivamente non agiremo bene. Inconsapevolmente ci prepariamo a fallire. È importante anche quanto chiediamo a noi stessi: se chiediamo troppo, è facile demoralizzarsi e rinunciare. Aiutiamoci a trovare un punto di vista oggettivo e sano della nostra situazione, e usiamolo come punto di partenza. Come si fa? Iniziamo con il mettere in discussione tutto ciò che ci pare irrazionale, irragionevole, forzato.
 
  
Si può perdonare se stessi? C’è un limite di età per ricominciare a vivere?  
Certo che non esistono limiti di età, assolutamente si: ogni momento è quello buono per ri-costruire se stessi, perché tutto l’arco della nostra vita è in divenire, una continua trasformazione.
Come il caso di una meravigliosa signora che a 50 ha fatto il bilancio della sua vita: due matrimoni, due divorzi alle spalle, e si è resa conto di essersi sposata solo per aderire a dei modelli sociali, ma in cuor suo ha sempre saputo di fare le scelte sbagliate. Ora ha detto basta, è rinata forte della sua nuova consapevolezza, è uscita dalle tenebre perché ha deciso di agire e di non subire.
 
 
 
  


Psicologa Parma
Psicologa Fidenza 

 

 

Contatta la psicologa

Patrizia Marzola

Studio a Parma in Via Montanara , 15
Presto anche a Fidenza

Mobile 328 1971882
Mail consulenza@psicologiaecomunicazione.it

Studio Psicologia e Comunicazione di Patrizia Marzola Iscrizione all'Albo degli Psicologi E.R. n° 3524

ViaAbate Pietro Zani , 46 - Fidenza (Parma)
Tel e Fax
0524 202361
Mobile 328 1971882
Mailinfo@psicologiaecomunicazione.it